fbpx

Il rilancio di competitività delle imprese italiane

Finanza per la Crescita 2.0
Sono oggettivamente tante, troppe le lacune del nostro Governo nei riguardi del sistema produttivo. Ma quando viene fatto qualcosa di buono, ecco che l’atteggiamento “lamentoso” troppo diffuso inabissa le possibilità di rialzare la testa e vedere uno spiraglio di luce all’orizzonte. Noi crediamo che non sia più il tempo per le critiche, per il pessimismo. Vi riassumiamo quindi alcuni punti del recente Decreto Destinazione Italia che rafforza e amplia l’offerta di credito alle PMI.

Ecco le opportunità più interessanti:

Nuova Sabatini: a fronte di un finanziamento bancario o leasing finanziario di importo compreso tra 20mila e 2 milioni di euro per investimenti (macchinari, impianti, beni strumentali ed attrezzature ad uso produttivo) è concesso un contributo che copre parte degli interessi. Sul finanziamento bancario si può accedere alla garanzia dell’80% di CdP.

Credito d’Imposta: le imprese possono portarsi a credito d’imposta IRES e IRAP il 25% dell’investimento incrementale in R&Snel quinquennio 2015-2019.
Per le realizzazioni banda ultra larga, in aree ancora scoperte, il credito d’imposta arriva al 50%.

Maxi ammortamento beni strumentali al 140%: dal punto di vista fiscale questo consente una diminuzione della base imponibile su cui verranno calcolate le imposte.

Patent box IP e Marchi: esclusione dal reddito d’impresa del 50% dei redditi derivanti da utilizzo diretto/indiretto di opere di ingegno, brevetti e marchi.

Agevolazioni per Start up Innovative: esonero pagamenti imposta bollo e diritti segreteria per l’iscrizione in CCIAA; flessibilità nel ripianamento del CS a fronte di perdite; agevolazioni fiscali fino al 25% Irpef e 27% Ires; accesso semplificato al Fondo Centrale di Garanzia.

I nostri consulenti sono a disposizione per seguirti sull’accesso alle diverse opportunità.

condividi questo post